Ringraziamento agli elettori e alle elettrici di Rifondazione Comunista

Quello a Rifondazione è stato un voto libero e concreto, rappresentativo di una vera alternativa di sinistra comunista; un voto senza ambiguità al contrario dei tanti, troppi, espressi per misera convenienza personale o sotto ricatto, a quelle liste e quelle coalizioni che altro non rappresentano se non gruppi di potere politico-affaristico organizzati che da decenni speculano sui bisogni della nostra città.

Quella di presentarsi da soli è stata una scelta ponderata e inevitabile, naturale prosecuzione di un tenace impegno politico portato avanti da anni e condiviso da tutti i compagni e le compagne; una scelta fondata sulla cosciente consapevolezza delle eventuali ripercussioni che una contrapposizione totale e concreta ai gruppi di potere politico affaristico della città avrebbe determinato.

Siamo stati impegnati in una campagna elettorale impari, esprimendo senza paura di smentita, le rivendicazioni delle classi sociali meno abbienti, dei comitati per l’acqua pubblica e le nostre posizioni sul futuro della città, cercando di scuotere un’opinione pubblica ipnotizzata da una campagna elettorale inconsistente quando non visionaria.

Quanti hanno sperato nel cambiamento ora sono serviti e pregati di riaccomodarsi al palo. Ora che anche gli elettori del centro-sinistra si vedranno rappresentati in consiglio comunale da ambigui personaggi di destra, si renderanno forse conto di aver perso un’altra occasione per costruire un’alternativa vera agli “zii”, ai “principi” e ai “ras”, autentiche metastasi culturali di questa città.

D’altronde mentre fanno finta di litigare a Formia, centro-sinistra e centro-destra, a Roma governano senza alcun problema, anzi sembrano proprio andare d’amore e d’accordo, così da far pensare che nella nostra città sia in corso una farsa, utile solo a gettare polvere negli occhi di chi ancora crede in buona fede che le differenze tra le forze rimaste in campo siano tali da giustificare il voto per l’uno o per l’altro.

I comunisti hanno conosciuto momenti peggiori, da cui sono usciti grazie al sacrificio ed al lavoro duro dei tanti/e compagni/e, che negli anni si sono succeduti nel circolo, dando prova di una capacità organizzativa da fare invidia a forze di ben altra consistenza.

Per queste ragioni il consenso riservatoci dai nostri elettori, ci dà comunque la forza di continuare a parlare di acqua pubblica, di diritti, delle emergenze sociali, di trasparenza, di legalità, di cultura, di spazi pubblici, di lotta alla casta, della piaga dell’abusivismo edilizio, di lotta alla criminalità organizzata e continueremo a essere al fianco dei precari, dei disoccupati, dei lavoratori in lotta, dei migranti e di tutti gli ultimi che affollano la nostra città.

Chi pensa che l’esito elettorale possa frenare la nostra azione politica, fosse solo per un momento, si sbaglia di grosso. Continueremo senza tregua, sempre a testa alta e forti delle nostre idee, senza complessi di sorta nei confronti di quanti sono invece professionisti nel lusingare la città solo al tempo delle elezioni.

Gennaro Varriale
segretario del circolo “ENZO SIMEONE”
partito della Rifondazione Comunista
Formia

Visite: 624
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

oooerowerower