La nostra solidarietà all’ambulante aggredito

Quanto successo nei giorni scorsi presso il lungomare di Gianola, allorché quattro ragazzi italiani hanno picchiato un ambulante marocchino, causandogli numerose fratture che hanno reso necessario il suo ricovero presso l’ospedale “Dono Svizzero”, deve suonare come un campanello d’allarme e non va quindi sottovalutato, soprattutto per la gravità delle conseguenze e il contesto in cui esso si inserisce.

Un episodio agghiacciante, probabilmente, figlio di un mix letale di razzismo e ignoranza, con il quale si è voluto colpire la parte più debole della società e cioè quanti la mattina si recano presso le nostre spiagge per vendere la loro mercanzia, provenienti quasi sempre da molto lontano e anche spesso privi del permesso di soggiorno, e a cui evidentemente non si riconosce la stessa dignità a cui abbiamo diritto noi italiani, al punto da sentirsi autorizzati anche a passare all’aggressione fisica.

E infatti evidente che oggi gli immigrati vengono considerati da molti come il bersaglio su cui sfogare la propria rabbia “malata”, anche quando si tratta di futili motivi.

Di fronte a questi episodi di violenza e di persecuzione degli immigrati non dobbiamo voltarci dall’altra parte, ma esprimere con forza la nostra indignazione nei confronti di chi commette tali gesti, indegni di un paese civile, come consideriamo il nostro.

Inoltre è necessario che quanti abbiano commesso tale gesto non solo vengano sanzionati duramente dall’autorità giudiziaria, ma che gli si dia modo di scontare la pena con l’obbligo di prestare servizio presso i servizi sociali del comune di Formia, dove potranno mettersi al servizio del prossimo.

Nell’occasione chiediamo che nei confronti degli ambulanti, pur consapevoli che sono considerati dalla legge degli illegali, il comune di Formia si attivi per garantire loro delle condizioni di vita migliori, perché l’unica risposta al razzismo e l’ignoranza è la solidarietà, parola che oggi purtroppo ci pare essere fuori moda.

Nel caso particolare dell’ambulante marocchino, di cui purtroppo non conosciamo il nome, chiediamo al sindaco di attivarsi perché l’intera collettività si faccia carico del costo di tutte le spese mediche che dovrà sostenere fino alla totale guarigione e che gli venga concesso nel primo consiglio comunale utile la cittadinanza onoraria.

Invitiamo, inoltre, i cittadini a recarsi presso l’ospedale “Dono svizzero”, dove attualmente è ricoverato, per cingerlo in un abbraccio affettuoso, così da poter serbare di noi italiani ben altro ricordo.

Gennaro Varriale
segretario del circolo “ENZO SIMEONE”
partito della Rifondazione Comunista
Formia

Visite: 736
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

oooerowerower