Autore :

A che punto siamo con la Smart City?

Nel Dicembre 2015 venne presentato il progetto “Formia Smart City”, inserito all’interno del Plus “Appia via del Mare” e finanziato con 1 milione e 200 mila euro di fondi della Comunità Europea. Esso consisteva nei seguenti interventi: – il nuovo portale istituzionale e quello per la promozione turistica; – i video di promozione territoriale e

E lo stato dove sta?

Il racconto degli ultimi mesi ci lascia sgomenti per la colposa incapacità delle istituzioni repubblicane di fare il loro mestiere. Veniamo ai fatti. Ci è stato comunicata la sospensione della chiusura dei Punti di primo intervento (PPI) di Gaeta e di Minturno. Una buona notizia? Manco per niente, visto che la chiusura è stata procrastina

Le criticità del nostro territorio riguardano il rischio alluvione per il “Torrente Pontone” Pontone e il “Rio Santa Croce”

L’edizione 2018 del Rapporto sul dissesto idrogeologico in Italia – pubblicato dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) – fornisce il quadro di riferimento aggiornato sulla pericolosità per frane e alluvioni sull’intero territorio nazionale e presenta gli indicatori di rischio relativi a popolazione, famiglie, edifici, imprese e beni culturali. Ovviamente i dati

Il rebus dello sviluppo urbanistico della nostra città

Recentemente il comune di Formia ha promosso un convegno sulla Rigenerazione Urbana (R.U.) (L.R. “Norme per la rigenerazione urbana e per il recupero edilizio” entrata in vigore il 19 luglio 2017), alla presenza di dirigenti della regione, esponenti e rappresentanti delle principali categorie del settore. Iniziativa lodevole nel quale si è cercato di mettere la

E’ a rischio il multipiano di piazza Aldo Moro

Il prossimo 20 dicembre alle 12,30 – presso il tribunale di Latina – verrà messo all’asta dalla curatera fallimentare il diritto di superficie del multipiano di piazza Aldo Moro. L’avviso d’asta, base d’asta più tutte le condizioni, non è ancora noto e nulla di questa nuova scadenza è stato detto nell’ultima udienza della fase processuale

Lavoratori del consorzio aurunco di bonifica: cornuti e mazziati

Apprendiamo dalla lettura dei mezzi di informazione dell’assurda situazione nella quale versano i lavoratori del consorzio aurunco di bonifica, che da ben 43 mesi non solo non prendono lo stipendio ma che sono costretti a lavorare in condizioni di estrema pericolosità, tanto da temere addirittura per la loro incolumità fisica. Ebbene all’annuncio di uno sciopero

Sindaci. Mandare Acqualatina nelle scuole significa chiudere il lupo nell’ovile

Da una nota di Acqualatina spa si apprende che dal 2003 la società – gestore del servizio idrico integrato (SII) nell’Ambito Territoriale Ottimale n.4 (ATO4) – opera per valorizzare la tutela dell’ambiente, in particolare delle risorse idriche, a tal fine sviluppa con progetti e campagne tra cui il “Progetto scuola”, che ogni anno coinvolge i

La Formia Rifiuti Zero srl sconfitta in tribunale da uno spazzino

Con sentenza dello scorso 8 Ottobre il giudice del tribunale di Cassino ha annullato la sanzione disciplinare irrogata dalla Formia Rifiuti Zero srl nei confronti dell’allora spazzino Vincenzo Giuffrida, in quanto – come previsto dalla legge L.300/70, in tema di sanzioni disciplinari, all’art. 7, comma 2 e 3, “il datore di lavoro non può adottare

Mensa scolastica, ai problemi igienico sanitari si aggiunge il conflitto sul lavoro

La storia è nota: i carabinieri di Formia sono intervenuti, per effettuare verifiche amministrative, nel centro di cucina di via Olivastro Spaventola, dove avviene la produzione ed il confezionamento di alimenti e bevande somministrati nelle mense scolastiche delle scuole di Formia, servizio in gestito in appalto dalla multinazionale tedesca “Dussman service srl”. Dalla nota diramata

L’inferno degli esami medici

L’Esame da effettuare è l’Elettrocardiogramma doppler a riposo. La prescrizione è datata settembre 2018. La data dell’esame è aprile 2019 presso l’ospedale di Formia. Ovviamente il paziente non può aspettare e quindi è costretto a ricorrere ad una struttura convenzionata. Nel caso invece di una visita medica probabilmente sarebbe stata costretto a considerare la possibilità

E dell’ex7UP che ne facciamo?

A fine 2016 con delibera n.78/2016 il Consiglio comunale ha approvato – all’indomani terremoto del centro Italia – il Piano Operativo di Protezione Civile, il quale prevedeva l’adozione di un software per la sua gestione e sarebbe stato, almeno in parte, consultabile on line sul portale istituzionale del Comune. Uno strumento elaborato secondo le direttive
oooerowerower